Alessia Foglia
P.S. Besitos: libro o pochette? 1

P.S. Besitos: libro o pochette?

IMG_0996 IMG_0998 IMG_0999 IMG_1000 IMG_1001 IMG_1002 IMG_1004IMG_1006

Esistono dei progetti dei quali ti innamori al volo e non ci puoi fare nulla. Così è successo con P.s. Besitos: un brand conosciuto durante l’ultima edizione di HOMI che sono sicura piacerà molto anche a voi.

Il marchio, fondato dalla spagnola Jessica Bermúdez Bautista assecondando la sua passione per la lettura, propone una serie di pochette realizzate con copertine di libri che vengono stampate su tessuto grazie ad un processo totalmente eco-friendly.

Le borse si chiudono con una cerniera e l’interno è una sorpresa: curato quanto l’esterno, è infatti rivestito con tessuti francesi dalle stampe raffinate. La pratica catenella le rende perfette anche per il giorno quando le nostre mani hanno la necessità di restare libere.

Vederle tutte insieme è uno spettacolo: colorate, originali e divertenti è quasi impossibile decidersi se non provando ad individuare il proprio titolo preferito o facendosi semplicemente rapire dal colore.

Prima nota a suo favore: P.s. Besitos è Pink! L’azienda infatti è tutta al femminile e pare che funzioni benissimo. Il segreto? Secondo Jessica pare basti circondarsi di donne intelligenti. Le credo sulla parola.

Seconda considerazione: la fattura di queste borse è talmente curata e realistica che tenerle in mano ci darà quell’aria intellettuale e molto impegnata che non guasta mai.

Per acquistarle non è necessario che andiate a Barcellona, le potete ordinate direttamente dal sito www.psbesitos.com

Alessia