Alessia Foglia
Image default
Gentleman

Oaks d’Italia all’Ippodromo di San Siro Galoppo: una giornata di sport e moda

Oaks d’Italia all’Ippodromo di San Siro Galoppo: una giornata di sport e moda

Tempo di primavera e di gran premi internazionali all’Ippodromo di San Siro Galoppo.

Maggio e Giugno, come di consueto, scandiscono il tempo dei primi verdetti, a cominciare dalle immancabili Oaks d’italia: storica corsa di gruppo riservata alle femmine purosangue di 3 anni.

Per l’occasione l’ippodromo di San Siro Galoppo si è tinto di rosa, ad ospitare una competizione che per tradizione e qualità dei soggetti in gara affascina anche lo spettatore più distratto.

Il Gruppo Snaitech, protagonista già dall’anno scorso per il grande merito di aver rilanciato con successo l’ippica milanese, anche in questa circostanza ha preparato per il pubblico milanese una serie di eventi di grande interesse fondendo tra loro arte, cultura, food e tanto divertimento.

Oaks d’Italia all’Ippodromo di San Siro Galoppo: una giornata di sport e moda

Oaks d'Italia all'Ippodromo di San Siro Galoppo: una giornata di sport e moda 18

Alla palazzina del peso una guest star d’eccezione ha dato lustro alla giornata bella e soleggiata: il maestro Gualtiero Marchesi, l’uomo che più di tutti ha fatto la storia della cucina italiana (tra l’altro di ritorno da Cannes dove ha presentato il film sulla storia della sua vita), ha intrattenuto gli ospiti con aneddoti sulla sua carriera e consigli di cucina.

Parallelamente ai fornelli il suo “figlioccio” Daniel Canzian (formatosi proprio nella scuola di Marchesi) dava vita ad uno show cooking divertentissimo: risolto alla barbabietola con riduzione al franciacorta e grana: un piatto che fu proprio inventato da Gualtiero Marchesi, e rivelatosi perfetto per celebrare la nostra cucina italiana.

A contorno, tante opportunità di divertimento per gli spettatori presenti, con passeggiate sui pony o in carrozza, animazioni per i bimbi, momenti di fitness, visite guidate (l’ippodromo di San Siro Galoppo è tra l’altro dichiarato patrimonio nazionale) e street food per tutti i gusti e palati.

E poi le corse: la più attesa, ovviamente, la sesta corsa con 10 cavalli femmine al via a contendersi il titolo di regina delle Oaks 2017.

Per la cronaca l’ha spuntata Folega (della storica scuderia Rencati), ottimamente interpretata dal suo fantino Nicola Pinna che con uno scatto ai 300 finali vanificava la fuga della battistrada Paiardina raggiungendola in prossimità del traguardo per poi batterla di una mezza lunghezza.

I nostri look della giornata? Ve li racconta Alessia e li trovate in fondo all’articolo!

_Alberto_

Oaks d’Italia all’Ippodromo di San Siro Galoppo: un look total pink

Ed ora veniamo all’aspetto più frivolo ma non meno divertente perchè durante questo tipo di eventi la moda diventa davvero protagonista. Un pomeriggio all’Ippodromo, soprattutto durante una gara importante come questa, richiede infatti un dress code ben curato perchè in realtà è come se ci fosse un’altra competizione non dichiarata: la gara all’outfit più bello!

In questo caso essendo la corsa principale tutta al femminile, l’indicazione sull’outfit da indossare per uomini e donne è stato “A touch of pink!”

Se Alberto ha scelto di interpretare il mood con una cravatta rosa, per quanto mi riguarda da amante del rosa non è stato un problema trovare il look giusto in linea con l’evento: un abito total pink, un paio di scarpe mezzo tacco vagamente retrò per affrontare con serenità le tante scale della palazzina Vip dell’Ippodromo e una piccola borsa in cui mettere cellulare e binocolo per godermi ogni minuto della competizione.

Gli accessori che non possono mancare? Prendendo spunto dalle blasonate corse Inglesi, non possiamo dimenticare di indossare un cappellino vezzoso o un fascinator e un bel paio di occhiali.

_Alessia_

I’M WEARING

Abito Private Collection

Scarpe Vintage

Occhiali Balenciaga from Giarrecom

Orologio Komono

Fascinator Accessorize

Related posts

Leave a Comment