Alessia Foglia
Image default
Lifestyle

Come arredare casa con pezzi antichi: l’arte della decontestualizzazione

Chi di noi, tra un trasloco e l’altro, non si è trovato ad ereditare oggetti e mobili della nonna, della mamma, o provenienti dalla casa di campagna?

Chiunque ha un “bagaglio di pezzi di vita” che deve decidere se portare con sé o lasciarsi alle spalle.

Confesso che la mia personale tendenza sia quella di non abbandonare mai nulla. Anzi, mi piace proprio tenere con me tutto quello che arriva dal passato: trovo che abbia molto più gusto circondarsi di cose che hanno storia e provenienza ben definite.

A questo punto però, le questioni da risolvere sono due: primo, trovare posto per tutto (cosa non da poco!) senza che gli ambienti prendano le sembianze di uffici oggetti smarriti.

Secondo, sfida ancor più ardua, evitare che la propria casa si confonda con quella di un’anziana signora nostalgica che vive di ricordi tra centrini e servizi da the in porcellana.

Iniziamo a sgombrare il campo (nel vero significato del termine): non tutto ha senso ad essere conservato.

I traslochi, in quanto veri e propri cambiamenti, hanno anche la funzione di essere l’occasione per fare ordine, lasciando indietro quello che più non ci serve o banalmente, quello che più non ci piace.

E già così, vedrete che di metriquadri se ne recuperano.

Per quanto riguarda il secondo punto invece, il trucco non è nient’altro che la DECONTESTUALIZZAZIONE. Lo so, la parola sembra imponente e di per sé potrebbe destare qualche perplessità e timore, ma è tutto molto più facile di quanto sembri.

Basta cambiare funzione agli oggetti, rivederne (se possibile) la foggia e soprattutto e conseguentemente l’ambiente e il contesto in cui inserirli.

Come arredare casa con pezzi antichi: l’arte della decontestualizzazione

Se anche voi avete il vecchio vaso cinese (non propriamente di provenienza dinastia Ming, ahimè!) ma solo in quanto ricordo della zia, non buttatelo, ma men che meno utilizzatelo nella zona giorno per i fiori recisi (così fa veramente casa di nonna!!). Utilizzatelo invece in cucina come porta mestoli. Darà un tocco colorato e sarà sicuramente unico e diverso.

Se poi in soffitta avete trovato una coppia di poltroncine, forse non più nuovissime ma dalla forma particolare e bella, ecco, non lasciatele in soffitta, non mettetele nella zona living (un po’ banale), bensì utilizzatele in cucina, in sostituzione delle sedie che avete già.

Basterà rivestirle con tessuti dalla fantasia originale, oppure con una stoffa a rigoni e se volete azzardare un po’, scegliete dei colori fluo…la cucina sarà più divertente e sicuramente più calda.

Avete presente quei set da toilette (assolutamente anacronistici e inutilizzabili) di solito composti da porta sapone, porta spazzola, porta ovatta porta ecc…? Bene, Io me ne sono ritrovato uno e ho scoperto che il porta ovatta è diventato un comodo e bellissimo porta sale grosso. Quindi dal suo ambiente naturale che negli anni ’50 era il bagno, oggi è passato in cucina e ci sta benissimo.

Come arredare casa con pezzi antichi: nuova vita per tappeti e mobili della nonna

Vogliamo parlare dei tappeti persiani? La classica passatoia che negli anni 70 era sicuramente in anticamera, oggi è perfetta in cucina sotto il lavello e il piano cottura. Mentre il cosiddetto scendiletto oggi, posizionato in un bagno contemporaneo e moderno non potrà che conferire un tocco decisamente elegante allo stesso.

Anche il mobile un po’ stantio in noce, cassettiera o vetrinetta che sia, può vivere di nuova luce e di nuova vita. Laccatelo di un colore, possibilmente strong o almeno inusuale e sostituite i vecchi pomelli (solitamente quelli originali sono in ottone) con qualcosa di più nuovo e diverso. In commercio ce ne sono di tutti i tipi, i miei sono bianchi con un piccolo teschietto…strani ma belli

Ah dimenticavo, la bottiglietta vintage di profumo, non mettetela in bagno, troppo ovvio. Posizionatela invece su una mensola della vostra libreria. Fra tutti i ninnoli sarà il più originale.

Bene, e adesso che avete messo tutto al posto giusto, cioè nulla è dove dovrebbe essere, ma è stato spostato esattamente nell’ambiente meno prevedibile, secondo me la vostra casa è pronta.

Seguitemi su Intagram @besic_info – per info e consulenze infobesic@gmail.com.

Bozza automatica 91

Bozza automatica 92

Bozza automatica 93

Bozza automatica 95

Bozza automatica 94

Bozza automatica 99

Bozza automatica 98

Bozza automatica 97

Bozza automatica 96

 

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.