Alessia Foglia
Image default
Lifestyle

Lavoro da casa: come organizzarsi per uno smart working efficiente e produttivo

“Ci vediamo in ufficio?”. “No, oggi lavoro da casa”. Quando sento affermazioni di questo tipo mi si allarga il cuore.

Legalmente riconosciuto da un punto di vista normativo, lo smart working sta prendendo sempre più piede anche in Italia tanto da venire ormai considerato una più che valida alternativa al lavoro d’ufficio anche da importanti multinazionali fino a qualche tempo fa poco inclini a questo tipo di trasformazione.

Ma qual è veramente la sua definizione?
Per Smart Working s’intende quella modalità più flessibile del rapporto di lavoro nella quale il lavoratore, in accordo col proprio datore di lavoro, può svolgere le proprie mansioni anche al di fuori dell’ambiente aziendale, senza vincoli di luogo o di orario, senza una postazione fissa e con il supporto di strumenti tecnologici adeguati.

Una nuova concezione di intendere il rapporto di lavoro che personalmente apprezzo molto e che ho potuto sperimentare per qualche giorno lavorando da casa con profitto e senza troppe distrazioni.

Lavoro da casa: come organizzarsi per uno smart working efficiente e produttivo

Quello che più mi piace di questo tipo di metodo è certamente il suo approccio manageriale, che va proprio a scardinare e rimuovere quei vincoli ormai superati e le vecchie logiche del controllo, abbracciando il concetto moderno ed attrattivo di flessibilità e fiducia.

Ho sempre inteso il lavoro come raggiungimento dei propri obiettivi personali e professionali, chiari e definiti, senza dover per forza recarmi in azienda ad occupare una scrivania per un numero concordato di ore. I miei migliori risultati, in questi ultimi anni, li ho ottenuti proprio lavorando da casa, ed anche molto assiduamente, evitando lo spreco di tempo ed energie dovuto al traffico o a spostamenti estenuanti.

Da quando poi Alessia è diventata una libera professionista e gestisce il suo tempo in totale autonomia la sua produttività lavorando da casa, per esempio nella gestione del suo blog, si è decisamente impennata.

Lavoro da casa: una nuova frontiera per le realtà più avanzate

Per far questo ci siamo dotati di alcuni strumenti tecnologici avanzati, come ad esempio un nuovo e potente personal computer ed una valida offerta fibra di Fastweb: una proposta stabile e sicura che ci garantisce la connettività totale da qualsiasi device vogliamo collegarci.

Conosco molte realtà aziendali che hanno appena avviato con successo dei test pilota con un numero limitato di dipendenti, e che sono già pronte per estendere il concetto di smart working a tutto il proprio parco aziendale.

Per vincere questa importante sfida lavorativa sarà a mio avviso essenziale creare una nuova organizzazione dei team di lavoro capace di identificare degli obiettivi chiari e condivisi, in modo da verificare facilmente per l’azienda e in maniera oggettiva se questa modalità alternativa funziona davvero ed è veramente smart.

Lo Smart Working ha in me un forte sostenitore: io ci credo molto e sono pronto a scommetterci e ad apprezzarne tutte le sue potenzialità!

Lavoro da casa: come organizzarsi per uno smart working efficiente e produttivo

Lavoro da casa: come organizzarsi per uno smart working efficiente e produttivo 1

Lavoro da casa: come organizzarsi per uno smart working efficiente e produttivo 2

Lavoro da casa: come organizzarsi per uno smart working efficiente e produttivo 3

Lavoro da casa: come organizzarsi per uno smart working efficiente e produttivo 4

(immagini Pinterest)

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.