Alessia Foglia
Image default
In viaggio

Vacanza a parigi: i locali di tendenza da non farsi scappare

Non è necessario trovare un buon motivo per tornare a Parigi: questa città, infatti, è una continua scoperta. Bellissima in qualsiasi periodo dell’anno, offre ogni volta a chi la visita un’esperienza unica e la possibilità di fare un viaggio sempre diverso.

Possiamo dedicare il nostro soggiorno alla visita delle tante bellezze architettoniche, navigare la Senna, assistere ad uno spettacolo del Moulin Rouge o andare a teatro. Una cosa è certa: a Parigi annoiarsi è davvero impossibile!

Così come è impossibile mangiare male: sono stata a Parigi molte volte ed ogni visita è coincisa con la scoperta di posti speciali dove assaggiare dell’ottima cucina francese e di ritrovare i sapori di casa.

L’ultima non ha fatto eccezione: durante la scorsa fashion week ci siamo allontanate dai soliti circuiti turistici per scoprire dei ristoranti davvero speciali e molto diversi tra loro, in grado di accontentare tutte le esigenze e i palati.

Ecco quindi la lista dei locali da non perdere per godervi una vacanza indimenticabile anche sotto l’aspetto culinario!

Vacanza a Parigi: mangiare italiano da Pink Mamma

Se volete sentirvi un po’ a casa e mangiare dell’ottima cucina italiana, il locale da segnare in agenda è sicuramente Pink Mamma!

Posizionato nella caratteristica zona di Pigalle, è un concept nato dall’idea imprenditoriale di due giovani francesi che hanno voluto portare la qualità della cucina italiana nel cuore di Parigi.

Tutti i prodotti e gli ingredienti utilizzati da Pink Mamma infatti vengono importati direttamente dall’Italia e cucinati da chef italiani nel pieno rispetto della tradizione.

Una scelta sicuramente coraggiosa che ha ripagato: qui infatti la qualità del cibo è altissima e lo dimostra la coda che ogni sera c’è fuori da ristorante. Se volete venire a mangiare qui vi consiglio infatti di prenotare con ampio anticipo e di essere molto puntuali per non farvi soffiare il tavolo!

La location è davvero molto suggestiva: si tratta di un imponente edificio a quattro piani, ogni livello con il suo arredo e la propria identità. Noi abbiamo mangiato all’ultimo piano: una serra immersa in una luce verde in cui spicca dominante un’edera tentacolare.

Protagonista indiscussa di Pink Mamma è la bistecca alla Fiorentina che viene sempre servita con ottimi vini selezionati.

Buonissimi anche gli antipasti: io per aprire la cena ho scelto di assaggiare una freschissima burrata, un piatto di prosciutto San Daniele e una frittura di melanzane davvero squisita. A seguire ho optato per degli spaghetti alle vongole lasciando l’esperienza della carne alla prossima visita!

Prima di lasciare il locale vi consiglio di visitare il seminterrato dove sorseggiare in tranquillità ottimi cocktail.

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 1

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 3

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 4

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 2

Vacanza a Parigi: una food experience in vero stile parigino

Una pausa pranzo in vero stile Parigino? Perché no!

Nel cuore della città e a pochi metri dall’Arco di trionfo sorge The Peninsulaun hotel cinque stelle lusso, che oltre ad offrire la possibilità di un soggiorno davvero indimenticabile, racchiude al suo interno alcuni dei ristoranti e roof top più suggestivi della città.

Noi abbiamo scelto di dedicarci una pausa pranzo al “The Lobby”, un ex sala da pranzo completamente restaurata per riflettere la gloria della Belle Epoque. Un ambiente luminoso e raffinato, in linea con lo stile dell’albergo.

“The Lobby” offre un menu internazionale con una forte influenza della cucina francese, ma questa è anche la location ideale per sperimentare il famoso tè pomeridiano del Peninsula.

Un suggerimento: non venite qui se siete di fretta! Il luogo infatti porta ad indugiare, conversando e gustando l’ottimo cibo che viene servito dal personale di sala con cura e maestria.

Il mio pranzo si è aperto con una soupe d’oignon, ovvero la “zuppa di cipolle gratinata” che, da piatto povero, si è trasformato in un piatto raffinato preparato nei migliori ristoranti francesi.

Non è facile mangiare una versione fedele e ben realizzata. Ma potete stare certi che, se siete appassionati del genere, qui troverete una delle proposte più buone e gustose della città.

A seguire ho scelto di assaggiare un piatto di polipo arrostito con purea e piccole melanzane al forno: una vera chicca preparata con abilità e maestria.

Tenetevi lo spazio per il dolce, forse uno dei pezzi forti di questo ristorante! La carta è davvero invitante e spazia da una millefoglie alla vaniglia fino ad arrivare ad una tortina di lamponi in cialda.

Io ho scelto una gelatina di limoni con fragole e sorbetto al basilico. Il risultato? Lo potete vedere nelle foto!

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 7

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 9

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 10

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 11

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 12

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 8

Vacanza a Parigi: Gusto Massimo, il “wine bar” che non ti aspetti

Se volete fare l’abbinata ottimo cibo/ottimo vino vi consiglio di non perdervi Gusto Massimo, un informale wine&mozzarella bar che trovate al 19 Di Rue Moncey.

Questo infatti è l’ambiente perfetto dove passare una serata in totale relax degustando ottimi vini regionali italiani accompagnati piatti di degustazione regionali.

Se ci andate d’estate, vi suggerisco di occupare uno dei suggestivi tavolini all’aperto per godere fino in fondo dell’atmosfera Parigina. Altrimenti potete trovare posto all’interno in uno spazio raccolto e molto accogliente.

Tutti i prodotti che trovate nel menu arrivano direttamente dall’Italia e i piatti vengono preparati a vista seguendo un’idea di ristorazione moderna.

Il menu si avvale delle nostre eccellenze: gli ottimi prodotti caseari della regione Campania, con un’ampia scelta tra mozzarelle, stracciatelle, burratine e ricotta, limoni di Sorrento, invitanti bruschette con pomodori San Marzano e gli immancabili prosciutti emiliani.

Potete quindi scegliere alla carta o consultare la lavagna con le “proposte dello chef” che ogni sera propone piatti nuovi per un’esperienza sempre diversa.

Io ho scelto di assaggiare delle strepitose melanzane alla parmigiana e di proseguire con uno dei piatti proposti per la serata. Essendo golosa di tartufo non potevo perdermi i ravioli al tartufo bianco e tartufo nero fresco. Un vero tripudio di sapori e profumi.

Ad accompagnare la cena un ottimo viso rosso corposo e profumato e a chiusura non poteva mancare una scelta di dolci rigorosamente fatti in casa e realizzati nel pieno rispetto delle nostre ricette regionali.

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 16

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 17

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 14

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 19

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 13

Vacanza a parigi: le esperienze gourmet da non farsi scappare 20

 

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.